//Google Advertising

“Google non è sinonimo di ricerca”
(Dan Brown)

IL POTERE DI GOOGLE ADVERTISING

In Italia il 95% degli utenti del web consulta Google per cercare soluzioni. Prima di procacciare clienti, ogni azienda dovrebbe tener ben presente l’intero percorso che l’utente compie ogni giorno per rispondere ai suoi bisogni: è proprio tra quelle soluzioni che è necessario trovare uno spazio ben definito, per allocare il proprio prodotto. Come fare?

Rispondiamo con una domanda (o meglio, una serie di domande).

Chi cerca il mio prodotto? Quali problemi riesce a risolvere? Posso essere la soluzione di un bisogno di cui non si ha ancora piena consapevolezza?

Se queste domande esistono, allora esisterà pure quello spazio, disponibile per tutte le aziende, che può essere occupato realizzando strategie di marketing ben precise.

Ma le domande non sono tutte uguali, vengono espresse in modi diversi, personalizzate in base al bisogno e alle intenzioni. Quindi lo scopo non solo è quello di individuare la presenza della domanda, ma anche come essa viene formulata (l’intent-based):

Cosa chiede un potenziale cliente? Come lo chiede? Come può giungere alla soluzione che ho da offrirgli?

Google è il contenitore più ampio del web, potremmo dire potenzialmente illimitato, dove naviga l’insieme di queste domande ed è chiaro che ognuna di esse corrisponde ad un potenziale cliente, perché è proprio lui ad averle poste.

SEM, SEO E SEA

Parliamo di query: queste sono le intenzioni di ricerca di un utente, il quale arriva alla risposta approdando su un determinato contenuto, che dovrebbe soddisfare ogni sua esigenza, anche quelle che non ha espresso. Risalire, prevedere, individuare le query di ricerca fa parte di quella indispensabile strategia di marketing, che va sotto il nome di SEM (Search Engine Marketing), la quale può procedere seguendo due strategie parallele.

La prima, definita SEA (Search Engine Advertising), prevede la gestione di campagne sponsorizzate sui motori di ricerca. O attraverso Adwords che, nello specifico, è il servizio di Google, che promuove contenuti inserendoli come banner pubblicitari all’interno della rete di ricerca di siti partner, o attraverso le famose aree di Annunci, che occupano le prime 4 posizioni e le ultime 3 nella pagina iniziale di ricerche organiche.

La seconda, definita SEO (Search Engine Optimization), si riferisce invece all’insieme delle attività finalizzate a condurre i clienti su un sito web, attività non a pagamento ma che sono il risultato di strategie pianificate riguardanti l’intera struttura gerarchica del sito stesso. All’interno di questa strategia si colloca, ovviamente, l’individuazione di quelle keyword che segnano il successo della pianificazione e determinano il successo dell’intero progetto. Esistono diversi strumenti che permettono di identificare le keyword, sulle quali basare l’intera strategia SEO, tra cui il tanto discusso “keyword planner” di AdWords.

Attraverso l’analisi delle keyword si arriva ad analizzare il volume di ricerca, che ti permetterà di scoprire quante persone sono alla ricerca del tuo prodotto, e, allo stesso tempo, la concorrenza, ossia l’insieme degli inserzionisti i cui annunci sono stati pubblicati per ciascuna parola chiave di riferimento.

PIANIFICHIAMO LA STRATEGIA VINCENTE PER LA TUA AZIENDA

La domanda consapevole è sinonimo di concorrenza, la differenza la fanno le strategie.

Google non è sinonimo di ricerca. Aggiungiamo noi: Google è uno strumento dalle infinite risorse per le aziende. Bisogna solo conoscere gli strumenti adatti per trasformare quelle risorse in profitti, che deve essere l’obiettivo ultimo di ogni azienda. Per ogni prodotto esiste una domanda, e per ogni domanda esiste una strategia.

È arrivato il momento, ora, di capire qual è la tua.

//Pianifichiamo strategie vincenti per affermare la presenza su Google. Scrivici

servizio di digital marketing