Io ti Maledico

Io ti Maledico è un progetto lanciato su Facebook a novembre 2013 ed è nato con l'obiettivo di dare sfogo ai sentimenti negativi, che nascono e si diffondono sul social network, sentimenti che si trasformano nelle maledizioni più irriguardose su tutti quegli aspetti della vita da esorcizzare.

I numeri di Io ti Maledico

3.000.000

fan

43.000.0000

persone raggiunte (dicembre 2017)

3.800.000

interazioni (dicembre 2017)

La Storia

La pagina Io ti Maledico, nata da un’idea dell’ex socio Adam Davide Romano, è stata creata nel novembre 2013 con lo scopo di intrattenere e divertire, proprio come tante altre pagine competitors che popolano da sempre Facebook.

A luglio 2014, come progetto parallelo, è stato lanciato il Generatore di Maledizioni, un’applicazione web realizzata con lo scopo di automatizzare le frasi insolenti pensate dal pubblico della community. A settembre 2015, in partnership con Panini, vengono pubblicati e diffusi il MaleDiario, che ha venduto oltre 50.000 copie, e il MaleDizionario. Nello stesso mese è nato anche l’ecommerce di prodotti, quali tazze, magliette, cover, ecc., destinato ad un target preciso all’interno della vasta community.

Durante il 2016 la pagina è stata nuovamente ripopolata da post di immagini, basati sullo stesso topic che l’ha resa così famosa in Italia. Ma è nel 2017 che il progetto vive la sua più importante evoluzione, durante la quale vengono strette una serie di partnership con brand di grande levatura, tra cui Vodafone, Kidult, Motta, TicTac, Fonzies, Hp, 50 sfumature, ZooMarine.

Gli obiettivi

La mission iniziale del progetto ha previsto la  creazione di una community di intrattenimento, che veicolasse i sentimenti negativi, nati sul social network, verso un tipo di creatività leggera, ironica, dissacrante. La fase 2.0 di Io ti Maledico ha fatto sì che gli obiettivi di marketing si indirizzassero verso l’affermazione e il riconoscimento del brand, mentre durante la fase successiva 3.0, la più importante, abbiamo amplificato la portata del marchio delle aziende, che si sono affidate a noi, reinterpretando la community come una cassa di risonanza, rivolta a dare loro maggior risalto e credibilità.

La strategia attuata

Quando è stato raggiunto il primo milione di fan si è pensato di promuovere il Generatore di Maledizioni, per rafforzare la riconoscibilità del marchio. L’applicazione, infatti, seguendo una precisa strategia di brand awareness, ha condotto la community a raggiungere in pochissimi mesi il secondo milione di fan.

Contemporaneamente al MaleDizionario e al MaleDiario, è stato presentato anche l’ecommerce, esclusivamente basato sulla vendita di prodotti destinati al target di riferimento scelto. Per aumentare le vendite sono state messe a punto strategie di remarketing e mail marketing, rafforzando al contempo il supporto clienti con il customer care.

Infine il progetto Io ti Maledico ha messo a punto campagne di community amplification, destinate ad aumentare la portata del marchio e veicolate fino alla canalizzazione della vendita: attraverso creatività sviluppate ad hoc e basate su strategie precise di content marketing, abbiamo rafforzato l’autorevolezza e la riconoscibilità delle aziende, che hanno chiesto il nostro supporto e che hanno deciso di seguire un piano di comunicazione innovativo, originale e capace di convertire oltre le aspettative iniziali.

I risultati raggiunti

Per le nostre campagne di community amplification abbiamo raggiunto i risultati definiti, arrivando a coinvolgere, mediamente, 800.000 utenti a post. Le strategie attuate hanno permesso alle aziende di rafforzare la riconoscibilità del marchio sul social network grazie alla forza delle condivisioni, che organicamente hanno consolidato il successo di ogni campagna.

Cosa ne pensano i nostri utenti?

Facebook API Ratning: {"error":{"message":"Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons.","type":"OAuthException","code":190,"error_subcode":460,"fbtrace_id":"AJuVxevUInW"}}